OpenCity è tra i tre progetti finalisti della Digital Innovation Challenge

Dopo tre giorni di co-creation boot camp con le aziende europee finaliste, la giuria ha premiato Opencontent

Si è concluso da qualche giorno il co-creation boot camp della Digital Innovation Challenge a cui hanno partecipato le dieci aziende europee finaliste della competizione. Opencontent ha raggiunto le fasi finali con il progetto OpenCity Plus.   

L’obiettivo della Digital Innovation Challenge è individuare, sviluppare e promuovere servizi e prodotti innovativi basati su soluzioni aperte e riusabili messe a disposizione dalla Commissione Europea. 

L’iniziativa si colloca nel quadro più ampio della strategia europea  del “Single Digital Gateway”, ossia lo Sportello unico digitale europeo. L’obiettivo nei prossimi quattro anni sarà uniformare a livello europeo l’accesso ai servizi attraverso informazioni di qualità e canali di assistenza per tutti i cittadini dell’Unione. In quest’ottica, l’Unione Europea sta sviluppando rapidamente un sistema di interoperabilità semantica, grazie al Programma ISA² Interoperability Solutions for European Public Administrations” e alla creazione delle ontologie CoreVocs (Core Vocabularies) e Core Public Service Vocabulary Application Profile (CPSV-AP). 

Opencity guarda al futuro dei servizi digitali della Pubblica Amministrazione seguendo l’indirizzo già intrapreso dalla Commissione Europea. E’ una piattaforma open source con una duplice missione: offrire alle autorità locali una soluzione semplice e concreta per gestire il processo di trasformazione digitale che gli Enti devono affrontare per offrire a cittadini e aziende servizi digitali moderni, in conformità con le legislazioni nazionali ed europee. Contestualmente, Opencontent offre con la sua piattaforma metodologie per estrarre il massimo valore dai dati che le autorità locali già possiedono, che possono essere usati per una comunicazione data-driven o per disegnare nuovi servizi fruibili da mobile. 

Con un processo automatico e più consapevole di gestione dei dati, le autorità pubbliche possono focalizzarsi maggiormente sul monitoraggio e l'osservazione, usando i cruscotti della piattaforma o integrando sistemi esterni di business intelligence via API con l'obiettivo di migliorare progressivamente la qualità dei servizi offerti ai cittadini. Opencity è conforme agli standard europei e a diverse soluzioni basate sul riuso messe a disposizione dalle istituzioni europee (Core Vocabularies, CPSV-AP, DCAT-AP, eID). 

Il progetto ha avuto il riconoscimento della Commissione Europea che lo  ha scelto tra i tre  finalisti dopo i tre giorni di co-creation boot camp a cui il nostro team ha partecipato. Questa tappa finale della competizione  è stata organizzata gli ultimi giorni di Settembre da remoto a causa dell’emergenza COVID, utilizzando la realtà virtuale.  

I team finalisti hanno potuto discutere il loro progetti con degli esperti internazionali e  presentarli davanti alla giuria.